Quintus Poppaedius Silo
Con molta probalità Quintus Poppaedius Silo apparteneva alla tribù dei Carracini che con l’unione di altre tre tribù: i Pentri, i Caudini e gli Irpini diedero vita al popolo Sannita.Un documento inoltre, conservato a Lama dei Peligni (dalla cui zona proviene il testo relativo a M. Reccius N. f. Reutus quattuorvir iure dicundo), databile non oltre la seconda metà del I secolo d.C., costituisce un’ulteriore testimonianza sulla presenza in loco delle gentes Mettia e Poppaedia e consente di ampliare le nostre conoscenze sui rapporti intercorsi tra i principali nuclei familiari locali fino ad ora attestati.
Subito colpisce la presenza di uno dei tanti rami dei
Poppaedii che in tutta la zona centrale della Regio IV poté annoverare personaggi famosi, almeno in ambiti locali, la cui origine osco-sabellica è provata da numerosi testi dialettali tra cui lo stesso Q. Poppaedius Silo, sembra che un ramo di questa gens, dopo le Guerre Marse, si sia trasferita anche in Lucania).
Il rinvenimento di una stele funeraria nel 1814 in contrada « Le Rosce », sulla riva destra del fiume Giovenco, a Sud di Ortona, su cui si può leggere:

POPPEDIA. P. F. SECUNDA
FILIAE. OSSA. SITA. FITAE.

M. F. MATRI. OSSA. SITA
.

 si deduce che in quel sito erano state sepolte la moglie e la figlia di Q. Poppaedius Silo ma questo non attribuisce affatto l’appartenenza di Silo al popolo Marso di cui ne fù condottiero.

 

 

3.1.2 Hic spiritus ne M. quidem Catonis pueritiae defuit: nam cum in domo M. Drusi auunculi sui educaretur, et ad eum tribunum pl. Latini de ciuitate inpetranda conuenissent, a Q. Poppaedius Latii principe, Drusi autem hospite, rogatus ut socios apud auunculum adiuuaret, constanti uultu non facturum se respondit. iterum deinde ac saepius interpellatus in proposito perstitit. tunc Poppedius in excelsam aedium partem leuatum abiecturum inde se, nisi precibus obtemperaret, minatus est: nec hac re ab incepto moueri potuit. expressa est itaque illa uox homini: 'gratulemur nobis, Latini et socii, hunc esse tam paruum, quo senatore ne sperare quidem nobis ciuitatem licuisset'. tenero ergo animo Cato totius curiae grauitatem percepit perseuerantiaque sua Latinos iura nostrae ciuitatis adprehendere cupientes reppulit. Idem, cum salutandi gratia praetextatus ad Sullam uenisset et capita proscriptorum in atrium adlata uidisset, atrocitate rei commotus paedagogum suum nomine interrogauit quapropter nemo inueniretur, qui tam crudelem tyrannum occideret: cumque is non uoluntatem hominibus, sed facultatem deesse, quod salus eius magno praesidio militum custodiretur, respondisset, ut ferrum sibi daret obsecrauit, adfirmando perfacile se eum interfecturum, quod in lecto illius considere soleret. paedagogus et animum Catonis agnouit et propositum exhorruit eumque postea ad Sullam excussum semper adduxit. nihil hoc admirabilius: puer in officina crudelitatis deprehensum uictorem non extimuit tum maxime consules, municipia, legiones, equestris ordinis maiorem partem trucidantem. ipsum Marium illo loci statuisses, celerius aliquid de sua fuga quam de Sullae nece cogitasset